Mission


Il blog ha la mission di sensibilizzare gli utenti sui possibili rischi della rete e sulle truffe tradizionali che accadono in Italia e nel mondo. Vengono affrontate le truffe che quotidianamente migliaia di cittadini sono costretti a fronteggiare con perdite di tempo e di denaro, a volte anche ingenti. Attenti alla truffa non è un blog denuncia, pertanto è vietato pubblicare nei commenti e nei forum informazioni sensibili (nome, cognome, numeri di telefono, numeri di carte di credito etc.) di aziende e persone che organizzano truffe. Per effettuare una denuncia ci si deve rivolgere agli organi competenti. Per maggiori informazioni visitare la pagina Informazioni utili.

Gli articoli presenti nel blog sono articoli guida che spiegano il funzionamento delle truffe e danno dei consigli su come evitarle.

Una truffa puo’ essere evitata grazie:

  • Alle forze dell’ordine che arrestano i truffatori – Le forze dell’ordine possono mettersi sulle tracce dei potenziali truffatori solo in seguito ad una segnalazione o ad una denuncia.
  • Ai nominativi dei truffatori che si possono trovare in rete – Benchè sia decisamente utile utilizzare la rete per individuare i nomi dei truffatori, gli utenti italiani dovranno stare attenti a diffondere on-line informazioni sensibili come nominativi o numeri di telefono di potenziali truffatori. Nel mese di settembre 2016 è stata approvata la legge contro il Cyber Bullismo. Se da una parte la legge dovrebbe proteggere i minori che sono stati diffamati ed offesi, dall’altra parte la legge permette ai truffatori di portare penalmente in giudizio il cittadino che lo ha diffamato oppure offeso pubblicamente.
  • All’informazione e all’esperienza personale. L’informazione è l’unica vera arma per evitare di cadere in qualunque tipo di truffa e quindi evitare la perdita di tempo, denaro e cause contro i truffatori. Grazie agli articoli guida l’utente puo’ tenersi informato sulle tipologie di truffe esistenti ed evitarle con i consigli indicati. Grazie ai forum di supporto agli articoli gli utenti avranno anche  modo di raccontare le loro esperienze per informare la community sulle dinamiche della truffa subita.
  • Alla condivisione delle informazioni. Grazie ai social è possibile far viaggiare le informazioni ad una velocità impensabile fino a qualche tempo fa. Conoscere le modalità con cui una truffa viene organizzata permette agli utenti di mettersi in guardia da truffe simili. Condividere è la chiave per proteggere amici e parenti dalle truffe.